Pagine

mercoledì 4 luglio 2012

Quel ramo del lago di Como... parte 3


Il suo sguardo era magnetico e profondo come il mare in una grotta tra le rocce.C'era qualcosa che non mi quadrava. In genere i team manager che avevo conosciuto in precedenza erano tutti anzianotti, antipatici, concentrati su se stessi e sul business, e lui invece aveva tutto meno che l'aspetto di un vecchio burbero.
Nonostante i capelli brizzolati, si vedeva chiaramente che lui era un uomo giovane, intorno alla trentina, e inoltre non era per niente antipatico o concentrato solo sul potere e sul lavoro. Non si dava troppa importanza, e non si teneva a distanza come avrebbe fatto un altro suo omologo. Anzi, era addirittura ironico e simpatico.

- facciamo un patto: lei ora mi accompagna di là, mi dà una mano a ripulire al meglio la camicia, e io le prometto di non mandarla nè a Sing Sing nè ad Alcatraz, ma solo a Gaeta- disse sorridendo

- a Gaeta? mi manda in vacanza allora?... mmm....allora l'ho fatta più grossa di quanto pensassi...-

continuai a scherzare amabilmente, sapendo perfettamente che Gaeta invece era nota per il carcere militare. Mi piaceva il fatto che apprezzasse l'umorismo e che rispondesse scherzosamente a tono, invece di arroccarsi sulla sua posizione di superiorità. Mi mise immediatamente a mio agio.

- allora, andiamo? o preferisce Alcatraz?-

Mi porse la mano e insieme ci avviammo verso le sale da bagno dell'albergo dove avremmo potuto lavare via la macchia e asciugarla in pochi minuti grazie all'asciugamani elettrico.La sala da bagno era molto elegante, tutta in marmo giallo reale con inserti in verde Guatemala. I lavandini erano incassati nel piano in marmo e avevano rubinetteria classica in ottone. C'erano ciotole con pout pourry profumati in ogni angolo, e gli specchi erano illuminati da applique in ferro battuto e smaltato.

Mentre osservavo l'eleganza del bagno, non mi resi conto che lui intanto si era tolto la giacca e che si stava sbottonando la camicia...
Quando mi girai verso di lui, per capire cosa potessi materialmente fare per aiutarlo, me lo ritrovai a torso nudo con in mano la camicia macchiata.

- io sono una frana con il bucato, se mi aiuta con questa macchia senza dover ricorrere alla lavanderia, sono sicuro che troveremo un accordo per la destinazione...-


**********************

Prossimo appuntamento domani 05/07/2012 ore 10.00


2 commenti:

  1. Ma questa idea della soap... è una tortura!
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero almeno sia stata una dolce tortura...

      Elimina

Cosa ti ha lasciato questa lettura?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Chi è Manuela Rossa

La mia foto
Manuela Rossa è un personaggio di fantasia, una sorta di "alter ego" di una donna che ha scoperto il potere dell'immaginazione e della scrittura per raccontarsi innanzitutto a sé stessa. I suoi scritti sono frutto di fantasia e non attingono che in modo marginale alla vita reale.

Visualizzazioni totali

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email e saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

I blog dei miei amici

Recent Visitors