Pagine

domenica 15 luglio 2012

La luce dorata dell'alba

Questo è uno scritto di qualche tempo fa, dedicato ad una persona uscita in modo inaspettato dalla mia vita grazie ad un messaggio.


La luce dorata dell'alba filtrava sottile dalle fessure delle imposte, chiuse male nella fretta dell'amore, disegnando ricami di luce sulle lenzuola ancora intrise dei nostri odori. Con gli occhi chiusi, la guancia posata sul cuscino sollevato dalla mia stessa mano, restavo rannicchiata come una bambina nel tepore dolce di quella notte appena finita nella quale ti avevo osservato dormire accanto a me. Stremato da un pomeriggio di desiderio condiviso, appagato nella mente prima ancora che nel corpo, in cui ci eravamo entrati sotto pelle come intreccio invisibile e vitale di capillari, tu già dormivi ed io ti osservavo con gli occhi di una donna innamorata, ti accarezzavo piano il capo, ti sfioravo le spalle nude e forti, respiravo il tuo respiro. Cercavo di leggere, nei movimenti dei tuoi occhi chiusi, i sogni che vivevano in te e ti sussurravo in un soffio i miei pensieri e le mie paure, come in una nenia della buonanotte. Nenia di orchi e fate, angeli e demoni, passato e futuro in lotta tra loro nella mia mente.
Mi ero addormentata così, col tuo sorriso sereno e inconsapevole negli occhi, il tuo odore sulla pelle, e nel cuore la paura che tutto finisse all'improvviso.
La luce dorata dell'alba filtrava appena insieme ai cinguettii insistenti dei merli e dei passerotti, in un canto straziante che diceva "svegliati, è ora di alzarsi, non sognare" e così ho aperto piano gli occhi ancora impastati di sonno. Col sorriso sulle labbra ti ho cercato accanto a me, tra le lenzuola ancora intrise dei nostri odori, ma sul cuscino caldo, tra i ricami di luce del mattino, solo poche parole, le tue.
Parole amare e appuntite dal sapore di un addio.
Ecco le mie paure prendere forma. Ecco le fate e gli orchi, gli angeli e i demoni, il passato ed il futuro in lotta tra loro. Ecco la nenia della buonanotte prendere vita.
Ecco che nel silenzio dorato il canto del mattino è diventato fragore, si è trasformato in urlo, squarcio, tamburo martellante nelle tempie.
Martellante come il tuo silenzio.

Mi hai lasciato qui in ricordo la tua pelle. È distesa ancora tra le lenzuola intrise dei nostri odori, come un vestito smesso che non vuoi più indossare, ma ti sei portato via l'anima.
Era l'unica cosa che volevo di te.
Avrei voluto trovarti ancora accanto a sussurrarmi parole d'amore, ma anche la tua rabbia, le tue paure e i tuoi pensieri, in uno scambio reciproco di forza e condivisione. Mi hai lasciato la tua pelle e sei volato via.
L'amore non è dolore, è dono.
L'amore non è gioco, è gioia.
L'amore non è tormento, è tornare.
L'amore non è guardarsi da lontano, è guardarsi negli occhi.

Quanto tempo è passato? Un giorno, una settimana, un mese, un anno? Non lo so più. Il tempo è un elastico che si allunga o si accorcia in misura inversamente proporzionale alla bellezza dei momenti e delle emozioni.
Resto ancora qui ad aspettare il tuo ritorno, con le mie parole stese accanto alle tue.
Resterò ancora un pò seduta in questo bar, davanti ad un caffè sempre amaro per quanto zucchero possa metterci.
Resterò qui nella speranza di sentirti arrivare alle mie spalle e coprire con le tue mani le mie sulle quali posa il capo stanco. Nella speranza di sentire la tua voce sussurrarmi tra i capelli qualunque cosa, anche un addio. O un ti amo.
Il silenzio urla dentro e fa male più di una pugnalata.
Dimmi ciò che vuoi, ma dimmelo guardandomi negli occhi, in modo che non ti possa fraintendere.
Dimmi cose che già so o cose che non posso immaginare. Ma dimmelo guardandomi negli occhi. Parole sul cuscino non ne voglio più.


4 commenti:

  1. Dolce Manu...non essere gelosa! Non esserlo, non c'è motivo, per uno sfigato come me! :)
    Vita lunga e prospera mia dea!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. legolas, non sei uno sfigato, e io non sono gelosa per davvero... :) era una battuta per sorridere un pò, barbara è una mia cara amica. Lunga e prospera vita a te che sei sempre così gentile! :)

      Elimina
  2. Tranquilla cara Manu :) scherzavo... era cosi per sorridere un pò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) sorridiamo, il sorriso è il sale della vita :-D

      Elimina

Cosa ti ha lasciato questa lettura?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Chi è Manuela Rossa

La mia foto
Manuela Rossa è un personaggio di fantasia, una sorta di "alter ego" di una donna che ha scoperto il potere dell'immaginazione e della scrittura per raccontarsi innanzitutto a sé stessa. I suoi scritti sono frutto di fantasia e non attingono che in modo marginale alla vita reale.

Visualizzazioni totali

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email e saranno immediatamente rimossi.
L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

I blog dei miei amici

Recent Visitors